www.GrandeorientediRitoScozzeseAnticoeAccettato.it
 

GRANDE ORIENTE D'ITALIA DELLA MASSONERIA DI RITO SCOZZESE ANTICO ED ACCETTATO

   
    333  

- Dell'Ordine e del Rito in generale -

 

.
Dei Modi di erigere una Loggia

244. Quando sette o più Massoni regolari domiciliati in uno stesso Oriente, vogliono erigere una Officina, terranno, sotto la presidenza del più elevato in grado, o del più vecchio tra quelli dello stesso grado, tre Assemblee preparatorie in tre diversi giorni. Nella prima si conosceranno vicendevolmente i gradi di ciascun fondatore presente e si fisserà il titolo distintivo della Loggia ed il tipo del bollo ed il suggello, dei quali essa dovrà far uso. Per tale prima Seduta verrà redatto in duplice copia un verbale del seguente tenore:

A G D G A D U
Grande Oriente d’’Italia
della
Massoneria dI Rito Scozzese Antico d Accettato
Libertà – Uguaglianza - Fratellanza

Prima seduta preparatoria per la formazione di una Loggia nella Valle del .............................................. all'Or\di
Alle ore del giorno del mese anno dell'E V sottoscritti FF si sono riuniti in un locale sotto la volta celeste, ed hanno incominciato i loro lavori col verificare i rispettivi titoli e diplomi.
Riconosciuti questi regolari, aprono la discussione sotto la presidenza provvisoria del F……....
Su domanda se si voglia formare e fondare una Loggia del RSAA all'Or di………… si risponde dagli intervenuti affermativamente all'unanimità.
Dietro ulteriore domanda si delibera, pure all'unanimità, di porsi sotto gli auspici del Grande Oriente d’Italia di RSAed A sedente nella Valle del Tevere allo Zenit di Roma ed all'obbedienza del Governo dell'Ordine.
I FF.. dopo aver firmato tutti il presente verbale ed il giuramento di fedeltà ai Supremi Poteri dell'Ordine e del Rito, si sciolgono quindi in pace rimandando alla seconda seduta quanto è prescritto dagli Statuti Generali dell'Ordine.
Nella seconda Seduta si farà a scrutinio segreto e con le norme appresso indicate, la elezione dei Dignitari e degli Ufficiali della Loggia, nonchè del suo rappresentante presso la Ser Gr L Naz Per questa seconda Seduta il verbale dovrà esser compilato come qui appresso:

A G D G A D U
Grande Oriente d’’Italia
della
Massoneria dI Rito Scozzese Antico d Accettato
Libertà – Uguaglianza - Fratellanza

Seconda seduta preparatoria per la fondazione di una Loggia di Rito Scozzese Ant. e Acc. nella Valle del sotto gli auspici del Grande Oriente d’Italia. sedente in Roma e del Governo dell'Ordine da Esso delegato.
Alle ore ....... del giorno ....... del mese ....... anno .......
E V riunitisi i sottoscritti FF nel solito locale discutono sul titolo da darsi alla nuova Loggia.
Dopo aver confermato quanto nella prima tornata, stabiliscono che la Loggia si chiami........ Si passa quindi alla elezione delle Luci e delle Cariche della Loggia e si nominano con schede:
Venerabile il F
1° Sorvegliante il F
2° Sorvegliante il F
Oratore il F
Segretario il F
Tesoriere il F
Esperto Cerimoniere il F
Copritore interno il F
Rappresentante presso la Ser G L. Naz il F……
Tutti i FF accettano le nomine loro conferite.
Si costituisce quindi una Commissione tormata delle tre Luci, onde provvedersi di timbro, libri e quanto occorra al regolare andamento della nuova Loggia. Quindi i FF.. si sciolgono in pace.

IL VENERABILE

L'ORATORE .............................................................IL SEGRETARIO

Nella terza Seduta si eseguirà la loro installazione nelle rispettive cariche, la quale dovrà sempre riguardarsi come provvisoria sino a che non avvenga la inaugurazione formale del Tempio. Per questa Seduta il verbale sarà come segue:

A GD G A D U
Grande Oriente d’’Italia della Massoneria dI Rito Scozzese Antico d Accettato
Libertà – Uguaglianza - Fratellanza

Terza Seduta preparatoria per la formazione della RLdi Rito Scozzese Ant e Acc nella Valle de all'Or di sotto gli auspici del grande Oriente d’Italia sedente in Roma e del governo dell’Ordine da Esso delegato.
Il Venerabile apre i lavori a tenore del Rito.
Sono letti ed approvati i verbali precedenti.
Le Luci e gli altri Dignitari prestano il loro giuramento.
Si stabilisce di chiedere al Governo dell'Ordine la Bolla di Fondazione. Le cinque Luci sono incaricate di queste pratiche.
Si fa circolare il Sacco della Beneficenza che produce matt..
Or di....... li .......200..

IL VENERABILE

IL 1" SORVEGLIANTE ...........................IL2° SORVEGLIANTE
L'ORATORE ...................................................... IL SEGRETARIO
IL TESORIERE ED ELEMOSINIERE ...............................................L'ESPERTO

245. Dopo le tre Assemb:ee preparatorie la nuova Loggia dovrà immediatamente, per mezzo del suo rappresentante, munito di analoghi poteri, far giungere al Grande Oriente la domanda delle Patenti Provvisorie. Questa domanda è accompagnata da una copia delle Tavole dei lavori fatti nelle tre Assemblee preparatorie e del quadro dei Fondatori, indicante i loro nomi e cognomi, la patria, il domicilio attuale, la età, le quaI;tà civili e massoniche, con le firme dei medesimi, acciocchè possano a tempo e a lucgo essere r;conosciuti nelle qua!ità di Fondatori.
I Fratelli fondatori dovranno allegare ai tre verbali le dichiarazioni dei Venerabili delle Logge alle quali i Fratelli fondatori appartenevano, certificanti che i Fratelli stessi sono in regola col Tesoro delle Logge.
I Fratelli fondatori di una nuova Loggia, ottenuta tale dichiarazione, non sono tenuti a chieder il Nulla osta a! loro Venerabile per il passaggio alla Loggia da loro fondata.

246. II Grande Oriente, quando riceverà da una nuova Loggia la domanda delle Patenti dovrà immediatamente sia direttamente, sia per mezzo di a:tra Loggia costituita più vicina alla Loggia richiedente, assumere informazioni e pareri.

247. Informato favorevolmente, il Grande Oriente, con apposita deliberazione, pone in pendenza la Loggia novellamente eretta, autorizzandola a progredire nei suoi lavori in conformità degli Statuti Generali e Regolamenti dell'Ordine. Questa deliberazione è trasmessa direttamente alla Loggia richiedente. Le si trasmetteranno insieme gli Statuti Genera!i e Regolamenti dell'Ordine e del Rito ed i rituali dei tre primi gradi.
Le disposizioni contenute negli articoli 244, 245, 246, 247 riguardano pure la formazione di un Triangolo. Questo però è costituito da tre Fratelli che restano alla dipendenza della Loggia alla quale i tre Fratelli fondatori appartengono. Per la formazione di un Triangolo basta un solo verbale del seguente tenore:

A G D G A D U
Grande Oriente d’Italia
della
Massoneria di Rito Scozzese Antico ed Accettato
Libertà - Uguaglianza - Fratellanza.

In nome di S. Giovanni di Scozia e sotto gli auspici del Grande Oriente d’Italia dl Rito Sc Ant. ed Acc oggi del mese dell'anno
E V si sono riuniti in convocazione straordinaria i sottoscritti FF
della R... L all'Or . di Valle del sotto il punto geometrico noto ai soli Figli della Vedova.
Presiede il Car Fr il quale spiega agli intervenuti lo scopo della
riunione, che è quello di costituire un Triangolo nell'Or di Valle del
alla dipendenza della R L all'Or
Consentendo i FF a tale costituzione, viene stabilito che il Triangolo prenda la denominazione di
Fatto in triplice originale, uno da restare in atti, e due da inviarsi alla R L Madre, affinchè a sua volta ne faccia pervenire uno al Governo dell'Ordine per la sua approvazione.
Dopo di che il Presidente fa girare il sacco della Vedova.
Or di li E V

248. Nei tre mesi successivi alla dichiarazione di pendenza la nuova Loggia è obbligata a far pervenire al Grande Oriente una copia dei Regolamenti particolari che intenda adottare per norma dei suoi lavori, ed i quali non debbono contenere disposizioni contrarie agli Statuti e Regolamenti dell'Ordine e della Ser G L Naz Entro lo stesso termine dovrà soddisfare gli altri impegni assunti per ottenere le patenti provvisorie.
La Patente Definitiva è accordata dopo un anno di proficuo lavoro.

249. Adempiute le formalità prescritte nei precedenti articoli, il Grande Oriente rilascia le patenti provvisorie e dispone che si passi alla formale inaugurazione del nuovo Tempio.

250. Ogni Loggia dello Stato, che non siasi messa sotto la direzione ed alla dipendenza del Grande Oriente d’italia e quindi del Governo dell'Ordine e del Rito non è riconosciuta per regolare e legittima nel Rito stesso.

251. Irregolari, illegittimi, e quindi nulli di lor natura, sono pur dichiarati quei lavori massonici che una Loggia regolare esercitasse in locali ove si riuniscono Logge irregolari.

252. La irregolarità incorsa da una Loggia o da una frazione dei suoi componenti da un individuo è punita con le corrispondenti pene statutarie.

Dei modi di inaugurare il Tempio

 
Per le Vostre richieste scrivete all'indirizzo segreteria@goirsaa.it
GRANDE ORIENTE D'ITALIA DELLA MASSONERIA DI RITO SCOZZESE ANTICO ED ACCETTATO
www.goirsaa.it